lunedì 26 settembre 2016

Gli errori sono tutti della volontà

L'ERRORE

L’errore non è nell’intelletto ma nella volontà e ora la Neochiesa negherà la divinità di Cristo. Questo è il punto centrale della filosofia e teologia. La caratteristica essenziale della Neochiesa è la sovversione della verità 
di Francesco Lamendola

L’errore non è nell’intelletto, ma nella volontà: questo è il punto centrale della filosofia, e, quindi, anche della teologia. Non si sbaglia perché si scambia per vera una cosa falsa, ma si sbaglia perché si dichiara vero ciò che è incerto, o perché si nega la verità di ciò che è vero.
L’errore non è possibile fino a quando l’intelletto rimane nell’ambito delle sue competenze, ossia nell’ambito della ragione naturale, e rispetta la sana maniera di ragionare, procedendo da una certezza ad un’altra certezza, da una verità ad un’altra verità, rispettando il principio di non contraddizione; e, a  maggior ragione, allorché si rimette alla verità soprannaturale divinamente rivelata. Quando, però, l’intelletto, per motivi d’interesse, o di superbia, o di vanità, pretende di trasgredire alle regole della sana ragione naturale, traendo, ad esempio, da determinate premesse, delle conclusioni assai più ampie sul piano logico, allora cade nell’errore.

Un autentico Disneyland?

Eleison Comments CDLXXX
BEAUTIFUL CHEESE
Più gustosa è l’esca attaccata all’amo,
Più il povero pesce scambia i suoi nemici per amici.

Il bel formaggioIn Australia, un mese fa, il Superiore Generale della Fraternità San Pio X ha dipinto un quadro raggiante del suo – come spera – assoggettamento imminente della Fraternità ai funzionari della Roma conciliare. Dal suo lungo discorso, ecco alcune significative considerazioni, riassunte o riportate per intero (in corsivo): -

[...] Roma ci sta offrendo una nuova struttura. A capo di essa ci sarà un vescovo, scelto dalPapa da una lista di tre membri della Fraternità, indicati dalla Fraternità. Egli avrà autorità sui sacerdoti, su ogni religioso che vorrà unirsi alla nuova struttura e sui cattolici appartenenti alla nuova struttura. Questi avranno il diritto assoluto di ricevere dai sacerdoti della Fraternità tutti i sacramenti, compreso il matrimonio. Questo vescovo potrà erigere scuole e seminari, ordinare (sacerdoti), e istituire nuove Congregazioni religiose. La struttura sarà come una super-diocesi, indipendente da tutti i vescovi locali. In altre parole, per voi fedeli, non ci sarà alcun cambiamento rispetto a ciò che beneficiate già con la Fraternità. La sola differenza sarà che sarete riconosciuti ufficialmente come cattolici.

domenica 25 settembre 2016

Tragicommedia anticristica

I molteplici inganni della spiritualità confusa. Assisi ha ancora da insegnare 

Mentre si cercano impossibili “giustificazioni” all’ennesima manifestazione di sincretismo, tra le mura del Duomo di Firenze risuonano i canti dei maomettani. I frutti velenosi dello “spirito di Assisi”.

di Cristiano Lugli
.
z-lgl2409L’incontro interreligioso “Sete di pace”, che si è tenuto dal 18 al 20 settembre ad Assisi, non ha evidentemente scosso abbastanza le coscienze di molti cattolici, che, presumiamo in buona fede, hanno cercato di porre obiezioni quanto mai deboli e imprecise rispetto a quanto avvenuto.
Il messaggio passato da questa nuova profanazione sarebbe quello di un rinnovato appello per la pace nel mondo, in tempi in cui questa è certamente messa a repentaglio dai nuovi moti islamisti – peraltro mai menzionati durante l’incontro interreligioso – o comunque scaturiti dalla follia dell’uomo moderno, volutamente staccatosi da Dio.
La reazione più preoccupante, se non altro per incompletezza, è quella che proviene dalle tante voci perplesse a seguito di quanto accaduto nuovamente ad Assisi, ma che tuttavia dimostrano di non aver capito l’enormità e la gravità del problema complessivo.

El Peso Argentino non se puede convertir in €?, ahi ahi ahi

PAPA E FAMILY DAY. MESSICO E ITALIA: LAGGIÙ VA BENE, QUI NO? MISTERI E DOPPI PESI.



Ieri a Città del Messico hanno sfilato centinaia di migliaia di persone, a difesa del matrimonio fra uomo e donna e della famiglia naturale.ProVita ne da notizia così: “Erano attese forse 200mila persone alla Marcia per la Famiglia svoltasi ieri a Città del Messico.
Invece sono stati almeno 400mila i partecipanti provenienti da tutto il Paese. Senza contare poi il milione di persone che solo due settimane fa era sceso in piazza in tutti gli Stati della Federazione messicana.

“Puoi baciare la croce”

Il segreto della città bosniaca in cui nessuno ha mai divorziato


Pensate a un mondo senza divorzio. Pensate a famiglie che non si separano, all’assenza di bambini feriti e di cuori lacerati.
Il matrimonio è la vocazione più impegnativa che esista e il divorzio sta aumentando ovunque, ma c’è una cittadina in Europa che rappresenta un’eccezione – una notevole eccezione – a questo dato inquietante.
A Siroki¬Brijeg, in Bosnia¬Erzegovina, non si sono mai registrati divorzi o famiglie separate tra gli oltre 26.000 abitanti!
Quale sarà il segreto di questo successo?

« Vince chi crede »

In Italia boom di richieste per liberarsi dal diavolo ma mancano gli esorcisti
Mezzo milione i riti compiuti ogni anno. Il Vaticano: “Pochi quelli veri. Spesso Satana arriva con i riti magici”


Mai tante richieste di esorcismi, ma mancano gli «scaccia-diavoli».  
Luca ha 15 anni ed è magro come un chiodo, ma quando ascolta la preghiera di liberazione ribalta scrivanie di marmo e grida in greco con voce da film horror. Don Mario ha una vocazione travagliata e da un anno è seguito da un confratello perché avverte una presenza malefica che lo induce all’autolesionismo. Mattia ha 4 anni, ed è come impazzito da quando il padre si «diverte» a organizzare sedute spiritiche con gli amici. Sono tre dei cinquecentomila italiani che ogni anno chiedono un esorcismo. Nelle diocesi i vescovi incaricano un sacerdote, ma gli esorcisti sono pochi rispetto alle richieste. 

Gospa air show (Lc 21:8-11)


lapparizione-della-regina-della-pace-a-medjugorje

Piglio, Cinque anni fa l’apparizione della Regina della Pace a Medjugorje

Domani 25 Settembre ricorre lo straordinario prodigio dell’apparizione della Regina della Pace, avvenuta proprio mentre i pellegrini di Piglio e d’intorni  ricevevano la Santa Comunione.
Lo straordinario prodigio, che aveva catturato lo sguardo dei presenti inondandone il cuore di emozione e di pace, si era verificato cinque anni fa e precisamente Domenica 25 Settembre 2011,innanzi ad una moltitudine di pellegrini tra cui il gruppo Regina della Pace di Piglio, alle ore 10,50, durante la Mensa eucaristica.

Un monito e una profezia

MANEL, TEKEL, FARES

    Un misterioso episodio biblico. Una mano misteriosa uscita da chissà dove traccia queste oscure parole sul muro come una indecifrabile minaccia nella sala del banchetto a Babilonia. Le 3 parole erano un monito e una profezia 
di Francesco Lamendola  



Mane, tekel, fares: una mano misteriosa, uscita da chissà dove, traccia queste oscure parole sul muro, come una indecifrabile minaccia, nella sala del banchetto, a Babilonia; e il re Baldassarre, figlio di Nabucodonosor, appena salito al trono, trasecola e impallidisce. Di colpo, l’atmosfera di festa si è fatta pesante, si tramuta in un senso di oppressione, di angoscia; i convitati non hanno più alcuna voglia di brindare e di scherzare; i musici e le danzatrici interrompono le loro esibizioni. È sceso il silenzio: tutti sentono che si sta avvicinando una grave minaccia; del resto, è difficile dimenticare che un potente esercito nemico, l’esercito del re persiano Ciro, è accampato davanti alle mura della capitale, a brevissima distanza. Il re, per primo, sembra paralizzato dal terrore, e vorrebbe che gli indovini e gli astrologhi spiegassero il fatto; nessuno, però, sa rendere ragione di quel prodigio, tanto meno decifrare le parole. Allora interviene la regina, che ricorda al figlio come, a Babilonia, vi sia un uomo che saprà forse sciogliere l’arcano.